top

Mastoplastica
Additiva

DURATA INTERVENTO

1-2 Ore

CONVALESCENZA

15 Giorni

ANESTESIA

Generale o Locale con sedazione

OBIETTIVO DELL’INTERVENTO DI MASTOPLASTICA ADDITIVA

L’intervento ha lo scopo di aumentare il volume complessivo del seno e/o correggere eventuali asimmetrie della paziente per donare armonia alla sua figura.

QUANDO FARLO?

Dall’età di 18 anni in poi, la paziente deve godere di buona salute.

L’intervento di mastoplastica additiva trova indicazione, in presenza di una ghiandola mammaria poco sviluppata (ipoplasia) oppure a seguito dell’involuzione della ghiandola (ipotrofia) dovuta a gravidanza/allattamento o a un dimagramento importante.

MAMMELLE TUBEROSE, COME INTERVENIRE?

Questa malformazione mammaria non ha nulla a che vedere con gli iposviluppi delle mammelle sopra presentati, anche se viene spesso interpretata dalla paziente come un semplice seno piccolo. In questi casi la ghiandola mammaria si presenta di forma allungata assumendo un aspetto tubolare (Snoopy Breast) ed è completamente posizionata dietro un’areola dalle dimensioni sproporzionate.
Generalmente le mammelle tuberose sono di piccole dimensioni e cadenti. Questa condizione può essere monolaterale o interessare entrambi i seni.

In queste mammelle si osserva una cranializazione del solco sottomammario (è più alto) a causa di una scarsa o assente rappresentazione dei quadranti inferiori ed interni delle mammelle. Le dimensioni della mammella sono quindi ridotte sia come base che come altezza e questa si proietta in avanti quasi ad erniare attraverso il complesso areola-capezzolo (mastocele).

Questo tipo di condizione clinica si risolve con una mastoplastica additiva.

COME SI SVOLGE L’INTERVENTO DI MASTOPLASTICA ADDITIVA?

L’intervento di mastoplastica additiva generalmente si esegue in anestesia generale, in alcuni casi, tuttavia, si può effettuare in anestesia locale con sedazione profonda.

L’operazione prevede il posizionamento di protesi mammarie in silicone in sede sottoghiandolare o sottomuscolare o Dual Plane (doppio piano, cioè la protesi si posiziona parzialmente al di sotto del muscolo e della ghiandola mammaria) attraverso delle incisioni cutanee che possono essere a livello del solco, sottomammarie o a livello periareolare inferiore.

La scelta della sede dove inserire la protesi mammaria è dettata delle specifiche esigenze anatomiche di ciascuna donna.

La scelta del tipo di incisione, della grandezza e della forma delle protesi (anatomiche o tonde) e il posizionamento sono parametri da valutare da caso a caso tenendo conto delle caratteristiche anatomiche della paziente.

L’esito cicatriziale non è prevedibile ed è soggettivo, tuttavia, in genere le cicatrici sono ben tollerate e di ottima qualità, perché si riescono a nascondere facilmente grazie al naturale solco mammario e in caso di inserimento peri-areolare grazie alla differenza di colore tra l’areola, più scura, e la cute della mammella, più chiara.

ESAMI ASSOCIATI E TERAPIA

Prima di sottoporsi all’intervento di mastoplastica additiva è necessario effettuare analisi del sangue di routine preoperatoria, un elettrocardiogramma, in caso di soggetti fumatori o di età superiore ai 45 anni un RX-Torace.
La paziente dovrà inoltre effettuare un’ecografia mammaria e in caso di età superiore ai 40 anni anche una mammografia preoperatoria.

In sede di visita viene prescritta la terapia con i medicinali da assumere nel post operatorio per limitare eventuali fastidi e gonfiori.

LA VISITA PREOPERATORIA

La visita è fondamentale per illustrare alla paziente tutte le fasi dell’intervento e i comportamenti che dovrà osservare nel decorso post operatorio. In questa sede si decide insieme il volume e la forma del seno che si può ottenere attraverso la protesi più adatta alla struttura corporea.

Dopo l’anamnesi inziale, la misurazione del torace e del seno, si procede alla simulazione visiva davanti allo specchio con l’ausilio di protesi di prova sagomate.

L’obiettivo è ottenere un seno di dimensioni proporzionate alla caratteristiche fisiche della paziente: il risultato deve essere personalizzato e armonioso.

DURATA DELL’INTERVENTO E CONVALESCENZA

L’intervento ha una durata media di circa 90 minuti, ma in alcuni casi, più complessi, si può arrivare anche a 2 ore. L’operazione si può eseguire sia in regime di Day Surgery (ricovero e dimissione in giornata) o con ricovero di 1 notte.

Al termine dell’intervento viene fatto indossare un reggiseno contenitivo post operatorio che dovrà essere portato per almeno un mese sia di notte sia di giorno.

Dopo l’intervento la paziente potrebbe avvertire una sensazione di dolenzia, gestibile con la terapia, che si attenuerà nel giro di 4-6 giorni. Il recupero delle normali attività quotidiane, come guidare l’auto, è di circa 10 giorni. La paziente dovrà astenersi dal compiere sforzi con le braccia (come sollevare pesi) per almeno 15 giorni40 giorni per l’attività sportiva.

Come per ogni intervento chirurgico possono verificarsi delle complicanze imprevedibili da parte del chirurgo come infezioni, emorragie, edemi, cicatrici di cattiva qualità, sieromi, asimmetrie, contrattura capsulare (ispessimento ed indurimento della capsula fibrotica periprotesica che si forma intorno a qualsiasi corpo estraneo presente nell’organismo), dislocamento della protesi. È importante sapere che nel caso in cui tali complicanze dovessero manifestarsi è possibile gestirle e risolverle. L’intervento può essere ripetuto nel caso di risoluzione di eventuali complicanze o per sostituzione protesi.

CONTROLLI E RISULTATO FINALE

Dopo l’intervento si effettuano 2 medicazioni, non dolorose poiché si utilizzano suture interne riassorbibili, a distanza di una settimana l’una dall’altra, cui seguiranno dei controlli nei mesi successivi.

Una completa guarigione si ha dopo circa 4 mesi; il risultato definitivo si può apprezzare dopo circa 6-8 mesi.

Utilizzo protesi di ultima generazione, delle migliori marche presenti sul mercato, dispositivi sicuri, garantiti a vita e che non vanno necessariamente sostituiti nel tempo.

Naturalmente la forma e il volume del seno possono subire modificazioni nel corso degli anni se la paziente dovesse affrontare una gravidanza, aumento e/o perdita di peso, terapie ormonali. In quel caso potrebbe essere necessario reintervenire chirurgicamente prima del tempo previsto.

"Trascorsi 3 mesi dall'intervento di mastoplastica a cui mi sono sottoposta, posso ritenermi estremamente soddisfatta del risultato ottenuto!! Il Dott. D'Asero con disponibilità e accortezza mi ha trasmesso fiducia facendomi sentire sicura e in ottime mani. La ringrazio perché il risultato ha superato di gran lunga le mie aspettative!"

Claudia Paziente

"Ottima esperienza, il dottor D'Asero è disponibile e rassicurante. Ho fatto il filler alle labbra e il risultato è molto naturale, come avevo chiesto. Sono molto soddisfatta e tornerò sicuramente da lui."

Cristiana Paziente

Il Dott. D'Asero è un chirurgo e un uomo eccezionale!! Sono stata sempre seguita, consigliata con grande premura e totale disponibilità. Mi sono sottoposta a una mastoplastica additiva con grande soddisfazione del risultato finale. Lo consiglio vivamente se siete in cerca di un professionista serio e al tempo stesso accogliente. Grazie Dottore! <3

Silvia Paziente

"Da alcuni mesi il Dottore mi sta seguendo in un percorso per migliorare l'aspetto della mia pelle danneggiata dal fumo. Sono sempre stata scettica perché non credevo che questi trattamenti avessero davvero efficacia. Invece sto vedendo dei miglioramenti progressivi grazie alla biostimolazione e al peeling. Sono contenta di essermi affidate nelle mani giuste! Grazie Dottore"

Luisa Paziente

"Mi sono sottoposta a un intervento di blefaroplastica con il Dottor D'Asero un professionista con tanta pazienza e gentilezza che ha saputo mettermi a mio agio e farmi sentire rassicurata. Mi ha seguito anche nel percorso postoperatorio con presenza costante, non ho avuto fastidi particolari e neanche troppi lividi, ma questo è soggettivo. Sicuramente grazie a lui ho ritrovato uno sguardo alleggerito e lo farei altre 1000 volte!!!"

Margherita Paziente